In Milton Lumky Territory: è questo il titolo originale di In terra ostile, di Philip K. Dick, che ho comprato prima di fare il viaggio di ritorno in treno da Napoli fino a casa. Non è un romanzo di fantascienza né di fantasy (altro…)

Dopo l’esperienza luci-ed-ombre della rappresentazione di Cats, ho continuato a pensare alle volte in cui sono andato a teatro, soprattutto a quelle che mi hanno dato soddisfazione. Probabilmente la migliore in questo senso è rappresentata dal Rocky Horror Show, visto al Teatro di Rifredi, pochi anni or sono.

Avevo già visto il film, The Rocky Horror Picture Show, e mi ero un po’ rinfrescato le idee descrivendo il film alla mia fidanzata e scaricando i testi inglesi delle canzoni, per seguire meglio lo spettacolo. Avevo trovato anche materiale che non mi aspettavo (altro…)

Indubbiamente bellissimo. Splendide musiche e complimenti ai cantanti (soprattutto all’interprete di Memory, o Luna (?) in italiano). Mi sono piaciute molto anche le coreografie, che senza effetti speciali ma con fantasia e bravura riescono a rendere particolari e coinvolgenti molte scene.

Il fatto poi di andare a teatro abbastanza di rado, (altro…)

Non ce l’ho fatta: sono andato a vedere Avatar, nonostante la mia sfiducia nei “colossal” pompati da campagne pubblicitarie mastodontiche. Il fatto che in Italia sia stato ritardato di un mesetto (protezione dei cinepanettoni?) e che dietro la macchina da presa ci fosse un pezzo grosso l’hanno spuntata: ed ora ne sono molto contento. A giudicare dalla recensione di Fantascienza.com, non solo io.

(altro…)

Dopo aver visto al cinema il buon film tratto dal libro, sono riuscito a ascoltare l’audiolibro Harry Potter and the Order of the Phoenix, letto da Jim Dale.

In generale mi è piaciuto molto più del film, (altro…)

Lo scorso sabato ho visto “Planet 51” e devo dire che mi è garbato un sacco: nonostante il target molto giovanile (e io ero tra i pochi adulti non accompagnati da bimbi) il film è godibilissimo, anzi metà del tempo sono stato a ridere e l’altra metà a pensare questa è una citazione geniale!

Appena ho potuto, sono andato sull’IMDb a controllare le curiosità e i collegamenti a altri film, ma (altro…)

Avendo iniziato quest’estate assieme alla mia fidanzata e avendo finito da poco, mi ci sono voluti circa quattro mesi per rileggere “La compagnia dell’anello”, la prima parte de “Il signore degli anelli”.

Sicuramente sono stato meno assiduo di quando da adolescente ci misi solo un mese a leggere tutta la trilogia, ma ciò non vuol dire che non sia stato altrettanto contento. Il tempo passato dalla prima lettura e la visione del film mi avevano fatto dimenticare (altro…)