Sono abbastanza contento da scrivere un breve articolo su come ho recuperato le foto dalla scheda di memoria “corrotta” a causa un blocco della macchina fotografica.

La mia vecchia macchina fotografica è morta alla fine della luna di miele, molto probabilmente a causa di temperatura e umidità eccessive; purtroppo già a mezzo del viaggio ha cominciato a dare segni di cedimento, bloccandosi più volte, e lasciando una scheda di memoria SD illeggibile. Nessun danno fisico alla scheda (infatti non ci sono stati problemi a leggerla), “solo” la FAT corrotta: impossibile accedere ai file normalmente, era necessario trovare qualche software che analizzasse direttamente il contenuto della scheda. Tali software sono facilmente rintracciabili in rete attraverso motori di ricerca generici o specializzati: ad esempio cercando data recovery o photo recovery. Molti di questi software sono a pagamento, ma generalmente danno almeno la possibilità di effettuare l’analisi del supporto da recuperare.

  • Scheda di memoria: SD Sandisk 2 GB (comprata prima del viaggio)
    • Nota: sapevo che avevo fatto circa 500 foto prima del blocco più altre 200 circa successivamente (queste ultime foto erano normalmente visibili)
  • Macchina fotografica: HP Photosmart M417 (vecchia di 5 o 6 anni)
  • Lettore memoria SD: integrato nel portatile ASUS A52J

Primo tentativo: Restorer UIltimate – www.restorer-ultimate.com

Consigliato da un amico fotografo, ho cercato Restorer 2000, che (a quanto ho capito) è stato rimpiazzato da questo Restorer Ultimate. L’analisi  ha trovato solo 250 immagini.

Secondo tentativo: WinRecovery CardRecovery – http://www.winrecovery.com/

La procedura guidata di analisi chiede anche il modello della macchina fotografica e velocemente porta alla schermata con le thumbnail delle foto recuperabili. Questo programma è riuscito a rintracciare 775 foto sulla memoria, alcune delle quali però non complete. La versione demo non permette di effettuare il salvataggio di immagini grandi.

Se non avessi trovato un’altra soluzione, avrei acquistato un codice valido per questo programma.

Terzo tentativo: ZAR (Zero Assumption Recovery) – www.z-a-recovery.com

Con questo programma ho prima salvato su HD un’immagine della scheda SD (ma anche gli altri software hanno questa possibilità. Poi ho effettuato l’analisi: 10 minuti per leggere i dati e più di un’ora di “post-processing“! Dopo tale attesa, mi viene presentata una lista con 775 immagini (di cui è possibile avere la preview) e la possibilità di effettuare il salvataggio, che è permesso anche nella versione di demo!

Ben fatto! O almeno, sufficientemente ben fatto: di 775 fotografie, circa 60 sono incomplete o del tutto illeggibili, ma (oltre a essere meglio di niente) è un buon risultato, anche per il fatto che nelle mie foto ci sono un sacco di doppioni! 🙂

Annunci